Lampadine
MOMENTO DI MERCATO E PREZZI DELL’ENERGIA ELETTRICA
12 gennaio 2017
shutterstock_110700254
Dal 1° gennaio 2017 parte la Tutela Simile: Scopri cos’è!
6 marzo 2017

MERCATO ELETTRICO IN ITALIA – REPORT ANNO 2016

Mani_lampadina
(a cura del GME)

Nel 2016, la borsa elettrica registra il prezzo di acquisto dell’energia (PUN) più basso della sua storia iniziata nell’aprile del 2004. Con un calo del 18,2% rispetto all’anno precedente, il PUN si porta a 42,78 €/MWh e riduce sensibilmente il differenziale di prezzo con le più importanti borse europee. La netta flessione, riconducibile ancora alla bassa domanda ed all’analogo andamento delle quotazioni nei principali mercati energetici internazionali, sarebbe risultata ancor più significativa se nell’ultimo trimestre dell’anno il PUN non avesse subito, al pari dei prezzi delle altre borse europee, forti spinte rialziste innescate dal fermo di alcuni gruppi nucleari francesi. A fronte di un’offerta di energia elettrica sostanzialmente invariata, i volumi scambiati nel Mercato del Giorno Prima segnano una modesta crescita (+0,6%) sostenuta, sul lato acquisti, da esportazioni record (+64,9%) tutte concentrate, per il suddetto fenomeno, negli ultimi mesi dell’anno. Sul lato vendite, per contro, crollano ai minimi storici le importazioni dall’estero favorendo la ripresa delle vendite dei produttori nazionali (+3,3%) che, dai minimi storici del biennio 2014-2015, si riportano sui livelli del 2013. In evidenza soprattutto gli impianti a gas (+18,6%), e tra le rinnovabili, la fonte eolica (+6,4%) . La liquidità del mercato guadagna oltre 2 punti percentuali sul 2015 e si attesta al 70,0%, livello superato una sola volta nel 2013. Il Mercato infragiornaliero mostra ancora una decisa crescita in termini di volumi, (+12,1%) con livelli di prezzo allineati e dinamiche strettamente correlate al più importante mercato a pronti (MGP). Nel Mercato a Termine dell’energia elettrica, il prodotto più scambiato, l’Annuale 2017 baseload, chiude il periodo di trading a 44,73 €/MWh. Nella Piattaforma conti energia a termine il sensibile calo delle transazioni registrate (-8,4%) conferma e rafforza il cambio di tendenza manifestatosi nel 2015.