Progetto senza titolo (29)
ENERGIE RINNOVABILI-SCOPRI TUTTE LE DETRAZIONI FISCALI
6 dicembre 2019
Progetto senza titolo (1)
NUOVO RINVIO AL 2022!
20 gennaio 2020

MOST (Molecular Solar Thermal Energy Storage)

Progetto senza titolo (6)

MOST, La nuova batteria liquida che può conservare energia fino a 18 anni

Un metodo innovativo per la produzione di energia solare,

nel rispetto assoluto dell’ambiente che ci circonda

Cos’è MOST??

Alcuni ricercatori della Chalmers University of Technology hanno condotto studi mirati a trovare le modalità attraverso cui conservare energia solare a partire dall’energia concentrata nei legami atomici di alcune molecole.

Il team di ricerca è giunto alla presentazione di una molecola che è in grado di immagazzinare l’energia del sole.

I sistemi molecolari di solare termico (MOST) rappresentano una strada promettente per la raccolta e lo stoccaggio di energia solare.

In questo approccio una molecola viene convertita mediante fotoisomerizzazione in un isomero ad alta energia, che è in grado di immagazzinare l’energia fino a quando non viene rilasciato da un trigger termico o un catalizzatore, convertendo così l’isomero meta-stabile nell’isomero a raccolta di luce originale.

Il composto può immagazzinare energia, rilasciarla ed anche riutilizzarla.

Il liquido cattura l’energia solare e la intrappola in un solare termico sul tetto di un edificio.

L’isomero nel quale si è trasformato viene conservato a temperatura ambiente, con conseguenti perdite di energia minime.

L’energia di cui poi necessitiamo può essere “aspirata” attraverso il catalizzatore in modo che il liquido si riscaldi e la rilasci tornando nella sua forma chimica iniziale.

Tutto ciò è stato pensato per essere usato negli impianti di riscaldamento domestico, attraverso i tetti delle nostre case, dove il liquido può essere rispedito ciclicamente a raccogliere l’energia necessaria.

Il sistema è completamente privo di emissioni e non danneggia la molecola.

È anche possibile aggiungere un tubo dove far scorrere l’acqua in modo che arrivi calda nelle nostre case.

 

Le previsioni stimate indicano un arrivo sul mercato entro 10 anni.

Tanti? Per i tempi dell’ambiente, così stretti, forse sì, ma potrebbe essere una vera rivoluzione

Progetto senza titolo (7)